Tuo figlio è ansioso? Scopri la soluzione

Tuo figlio è ansioso? Scopri la soluzione

Problem Solving, un metodo efficace per trovare la soluzione migliore e affrontare le difficoltà scolastiche.

Spesso un bambino non sa proprio da dove cominciare per cercare una soluzione al suo problema e, ancora più spesso, non sa nemmeno di averlo, oppure non crede di poter essere aiutato o che qualcuno lo capisca, perso nella sua ansia. In quanto genitori o educatori del bambino è di dovere aiutarlo a trovare una soluzione e farlo uscire da quella sorta di limbo di insicurezze. 

Ma qual è il metodo adatto? 

Il Problem Solving rappresenta una risposta più che adeguata: è uno strumento cognitivo utile soprattutto nelle situazioni difficili, come quelle che vive ogni giorno un bambino ansioso. In poche parole, è molto efficace per cercare di aiutare il bambino nei periodi di insicurezze e nei momenti in cui le pressioni esterne lo affaticano i modo particolare, manifestandosi sottoforma di ansia.

Il Problem Solving ha lo scopo di far riconoscere al bambino le sue difficoltà nel momento in cui si trova ad affrontare situazioni difficili le quali, però, possono avere alcune soluzioni. 

Dunque il "compito" (se così si può chiamare) del Problem Solving è quello di individuare la strategia migliore per superare il problema. In genere si svolge in una suddivisione di cinque punti fondamentali, dei veri e propri passaggi da attuare in modo graduato con il bambino: 

  1. Il primo punto consiste nel riconoscere l'esistenza del problema e capire che è possibile cercare una soluzione, per quanto possibile.
  2. Il secondo passaggio consiste nel definire il problema uscendo dalla vaghezza, la quale è spesso, se non sempre, fonte di ansie e indecisioni.
  3. Il terzo passaggio consiste nel cercare insieme possibili soluzioni alternative.
  4. Il quarto punto consiste nell'individuare una di quelle soluzioni.
  5. Il quinto e ultimo passaggio consiste nel mettere alla prova la soluzione e valutarne i rischi. 

    Grazie al problem solving il bambino potrà innanzitutto individuare le sue difficoltà e, in secondo luogo, scoprire che estono delle soluzioni (magari molto efficaci) su cui può fare riferimento durante le situazioni difficili.